Indicazioni per la tutela della salute negli ambienti di lavoro

Lo scopo dei presenti documeni è indicare gli accorgimenti necessari che devono essere adottati per prevenire potenziali fonti/fattori di rischio e ottenere condizioni di lavoro tali da tutelare la sicurezza e la salute dei lavoratori, anche se il rischio di esposizione a Coronavirus Sars Cov 2 (COVID-19) non rappresenta un rischio proprio specifico dell’attività lavorativa. 
 
Fondazione Luigi Clerici ha, inoltre, scelto di integrare i propri DVR con tutti i protocolli, generali e specifici, previsti.

I documenti si soffermano sulle diverse misure di prevenzione, che possono essere adottate in base agli scenari lavorativi ipotizzabili. 

Il rischio da agenti biologici deve essere contestualizzato “durante l’attività lavorativa” dell’organizzazione, e non può essere oggetto di generalizzazione per tutte le attività lavorative, o tutte le “mansioni” di una attività lavorativa. Pertanto bisogna concentrare l’attenzione per tutto ciò che può essere “veicolo per il virus” durante l’attività lavorativa che viene svolta all’interno o all’esterno del perimetro aziendale.

È possibile ridurre il rischio di infezione, proteggendo se stessi e gli altri, seguendo le principali norme di igiene, collaborando all’attuazione delle misure di isolamento e quarantena in caso di contagio, seguendo le indicazioni delle autorità sanitarie. 

Qui di seguito sono pubblicati il protocollo generale e specifici dei singoli servizi. Si ricorda, inoltre, che la collaborazione e il rispetto del presente protocollo, da parte di tutti, è fondamentale per evitare il diffondersi del virus.

PROTOCOLLO "Alan Turing"

PROTOCOLLO "Sacramentine"